Corrispondenze. Da Ravenna a Vincent City per colpa del mosaico

December 27, 2017

1/1
Please reload

Copyright © 2016 All rights reserved 
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon

C'ERA UNA VOLTA...

Ispirandomi ad un progetto di Trish Morrissey sul disegno infantile, ho realizzato questa serie di immagini volte ad evidenziare, come sostenuto dal filosofo francese Luquet, che i disegni dei bambini di un’età compresa tra i 7 e i 9 anni sono rappresentazioni e non riproduzioni, esprimono cioè un realismo innato e non visivo.

 

Secondo la classificazione di Luquet, il disegno infantile percorre quattro fasi, in base all’età del bambino, non rigidamente differenziate l’una dall’altra ma spesso interconnesse.

 

La serie è stata realizzata giocando con mia figlia di otto anni, che rientra nella fase che Luquet definisce del “realismo intellettuale”, la fase in cui il bambino mira a rappresentare ciò che sa di un oggetto piuttosto di ciò che vede.

 

Il gioco è consisto nel proporle un elenco di titoli di cartoni animati o di nomi di personaggi delle favole e nel chiederle di rappresentarli sul suo volto come se fosse un foglio da disegno.

TOPOLINO - RAPUNZEL - POCAHONTAS - CAPPUCCETTO ROSSO - FIONA

Il bambino, come il primitivo o il folle, è un “tipo” particolare di artista. La sua arte consiste nella sua vita. All’adulto il compito di preservare tanta purezza | Cesare Ghezzi