Corrispondenze. Da Ravenna a Vincent City per colpa del mosaico

December 27, 2017

1/1
Please reload

Copyright © 2016 All rights reserved 
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon

ANATOMIE #2

 

LA PERFEZIONE E’ UN UCCELLINO IN GABBIA

 

“Il senso delle nostre imperfezioni ci aiuta ad avere paura. Cercare di risolverle ci aiuta ad avere coraggio”

Il cerchio rappresenta la perfezione, la compiutezza, ciò che non ha rottura e cesura.

La perfezione è un’idea, un’utopia che dovrebbe trasformarsi nel motore che ci permette di migliorare, invece molto spesso ci vincola, ci incatena, ci ingabbia impedendoci di vivere in maniera autentica.

Il nostro cervello è incapace di concepire il caos. Vuole ordine, qualunque esso sia. Invece la vita è fatta di imprevisti, di cambiamenti e di rotture.

Quando i giapponesi riparano un oggetto in ceramica rotto, ne valorizzano ogni singola crepa attraverso un procedimento sofisticato che si chiama "kintsugi" e che consiste nel riparare con l'oro gli oggetti andati in frantumi. In questo modo ciò che si rompe non viene accantonato ma acquista un grande valore. Rispetto all’oggetto nuovo, infatti, l'oggetto riparato è più prezioso, sia per la presenza dell’oro, sia per la sua unicità.

Le crepe fanno parte della nostra storia, ci rendono persone migliori. Volersi bene significa anche non insistere, significa lasciar andare, significa essere meno perfetti per poter progredire in questo “caos elegante” chiamato vita.

 

“Se io potessi vivere un'altra volta la mia vita

nella prossima

cercherei di fare più errori

non cercherei di essere tanto perfetto,

mi negherei di più,

sarei meno serio di quanto sono stato,

difatti prenderei

pochissime cose sul serio”

J. L. Borges

Anatomie è un laboratorio on-line organizzato da Silvia Bigi, nell’ambito del progetto Percorsi Foto-sensibili.

 

Anatomie è un'esperienza fotografica che vuole scavare più a fondo nella realtà e esplorare i confini dell’immagine.

Con Anatomie i partecipanti continuano a sfidarsi a vedere oltre la superficie delle cose, in cerca di significati universali. Ognuno ha sperimentato, attraverso la propria storia, l'esperienza del "vedere" le cose prima di fotografarle, e parallelamente di vedere dentro le immagini solo dopo averle realizzate (a volte inconsapevolmente) come fossero veri e propri rompicapo.

Il tema di Anatomie 2017 è stato il cerchio.